San Giovanni Rotondo la città della salute e della fede

Chiesa_padre_Pio,_san_giovanni_rotondoSe c’è un luogo che, da diverse regioni d’Italia e anche dall’estero, si vuole raggiungere in Puglia, questo è San Giovanni Rotondo.

Fino agli inizi del ‘900 San Giovanni Rotondo era uno sperduto paese del Gargano, luogo di passaggio per il pellegrini che, passati dal convento di San Matteo a San Marco in Lamis, continuavano il loro pellegrinaggio verso il santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo.

Con l’arrivo di “un certo” Padre Pio da Pietrelcina, la storia di questa che oggi è una delle più importanti città del Gargano, cambia radicalmente. Cominciano ad arrivare fedeli, cominciano ad arrivare persone in cerca di un conforto spirituale da chi oggi è divenuto San Pio.

San Pio, allora Padre Pio,  si occupa subito di chi soffre e uno dei suoi principali pensieri è quello di creare un luogo per alleviare le sofferenze, anche fisiche di chi soffre. La sua idea è creare un ospedale grande, anzi grandissimo a cui poi darà il nome di “Casa Sollievo della Sofferenza”. In molti lo credettero pazzo, in molti lo ostacolarono. Ma come si poteva essere così ingenui da pensare di costruire un ospedale in mezzo al nulla ?

Padre Pio non si fermò, Casa Sollievo della Sofferenza nacque ed oggi è uno degli ospedali più grandi e più importanti della Puglia sia dal punto di vista della cura di quasi tutte le patologie più importanti, sia dal punto di vista della ricerca medica e scientifica.

Casa Sollievo della Sofferenza mette a disposizione dei pazienti circa 900 posti letto in 30 reparti di degenza sia medici che chirurgici. Le specialità cliniche sono  50 e le prestazioni erogate sono circa 4300 tra diagnostiche e terapeutiche.

Presso l’ospedale voluto da Padre Pio si registrano 57 000 ricoveri all’anno con oltre 1,3 milioni di prestazioni ambulatoriali.

Un flusso enorme di persone e quindi di parenti che li accompagnano e presso il santuario e presso il nosocomio ubicati uno di fronte all’altro.bussapsafoggia Da San Severo e da Foggia, San Giovanni Rotondo è facilmente raggiungibile con le corse della Cotrap-SITA. Se si vuole giungere da fuori regione, con SAPS basta scendere a San Severo o a Foggia, ma anche a Manfredonia e prendere una coincidenza per San Giovanni Rotondo.

Ad esempio arrivando dalla Toscana con SAPS (sulla tratta Toscana, Umbria, Marche, Puglia) si giunge a San Severo alle 16 trovando la coincidenza quasi immediata a San Severo alle 16,30 per San Giovanni Rotondo, con arrivo presso il Convento e quindi l’ospedale alle 17,20.

Arrivando con SAPS dalla Germania alle 8,30 del mattino a San Severo, si può proseguire per San Giovanni Rotondo alle 9.15. Arrivando con SAPS da Roma, si arriva a Foggia alle 21,15 con coincidenza per San Giovanni Rotondo alle 22,15.

 

Condividi sui social network...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+